©2019 di Alleanza degli Infermieri per la Salute Ambientale, sostenuta da Associazione Planet2084 Onlus ,

in collaborazione con Alliance of Nurses for Healthy Environments USA

Privacy Policy

ENERGIA E SALUTE

Gli impatti sulla salute di fenomeni inediti nella Storia della civiltà umana

Nuovi studi dimostrano che le energie rinnovabili, oltre ad aiutarci a proteggere il clima, possono anche migliorare la salute pubblica, spesso in modi sorprendenti. Infatti, lo studio “Health co-benefits of sub-national renewable energy policy in the US,” pubblicato su Environmental Research Letters da un team di ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) e dell’università di Washington, evidenzia che le energie rinnovabili possono farci risparmiare un sacco di soldi: le moderne infrastrutture sanitarie hanno bisogno di energia e con le rinnovabili, già più economiche del carbone, negli Usa ci sarebbero 2,8 miliardi di dollari in risparmi climatici e 4,7 miliardi di dollari da impatti climatici evitati con un investimento di 3,5 miliardi di dollari. E tutto questo mentre viene prodotta energia pulita e sostenibile.

E non finisce qui: le energie rinnovabili sono anche un ottimo modo per utilizzare le entrate fiscali: si risparmierebbero 4,7 miliardi di dollari grazie all’eliminazione dei salari persi a causa dei cambiamenti climatici e, oltre a diminuire fino a  cancellare un lungo elenco di minacce per la salute legate al clima, si avrebbero nel contempo enormi  benefici per la salute e minori spese sanitarie.

 

Illustrando lo studio sul Sustainabilty Times, Vitaliy Soloviy scrive: «Queste sono affermazioni audaci, ma è indiscutibile che l’ energia pulita significhi una migliore qualità dell’aria. La combustione di combustibili fossili, d’altro canto, aumenta la probabilità di patologie cardiache, ictus, asma, cancro ai polmoni e altre malattie. Nel frattempo, un clima mutato dalla combustione di combustibili fossili significa anche un peggioramento delle allergie, una più rapida diffusione dei virus e una maggiore vulnerabilità nella nostra salute in generale. Questi cambiamenti stanno già avvenendo e il passaggio alle energie rinnovabili è il modo più rapido per rallentarli o eventualmente invertire la tendenza».

I risultati del nuovo studio si basano su ricerche inter-disciplinari in 10 Stati Usa, con ricerche sulle implicazioni economiche, sanitarie, ambientali e politiche dei diversi regimi energetici, basati sulla modellizzazione integrata di possibili scenari futuri. Una scoperta sorprendente è che un maggiore investimento nelle energie rinnovabili può produrre guadagni maggiori del previsto. I ricercatori sono convinti che «Se gli Stati rafforzassero le loro politiche sulle energie rinnovabili, i risultati sarebbero ancora migliori. Ad esempio, arrivare al 20% di energie rinnovabili entro il 2030 porterebbe a risparmi per oltre 14 miliardi di dollari in costi relativi alla salute e al clima, mentre alzando la barra al 26% l’ammontare arriverebbe a oltre 20 miliardi di dollari. A seconda dello scenario. ogni chilowattora di nuova capacità di energia rinnovabile può generare tra 8 ¢ e 13 ¢ di benefici per la salute».